lunedì 27 gennaio 2014

E' il momento di preparare la sugna fatta in casa.

Ormai ci siamo,in pieno inverno è il momento di preparare la sugna.
Io ogni anno la preparo di questi tempi perchè molti amici di mio marito che allevano un maiale,come si faceva una volta,senza mangimi o altre schifezze varie per mangiarlo in famiglia e preparare tante cose buone come salami,pancetta,capicollo,prosciutto ecc.,si fa anche regalare un po di parti grasse da sciogliere e preparare la sugna.
Tanti anni fa,la sugna era il sostituto dell'olio.
I contadini e non solo,allora poveri,cucinavano con la sugna,l'olio era roba da ricchi.
Oggi,la usiamo,io tanto,per insaporire pasta e fagioli,pasta e patate ecc. e per preparare i dolci Pasquali.
Non è difficile da fare:
Procuratevi della parte grassa del maiale,se allevato in casa tanto meglio,e tagliatela a pezzi non troppo grandi:



metteteli in una pentola sul fuoco ed aspettate che il grasso si sciolga,mescolando di tanto in tanto:



eccolo sciolto,attenzione però a non farla bruciare,state attente,quando ormai il grasso è sciolto,prendete con una schiumarola le parti di grasso che galleggiano e schiacciatele con uno schiaccia patate,otterrete anche delle buonissime cicciole o come le chiamiamo noi  nel napoletano cicole.
A questo punto non resta altro che versare,aiutandovi con un mestolo il liquido ottenuto in dei barattoli di vetro e lasciarlo raffreddare:


e questa è la sugna una volta raffreddata:


Ne ho preparati 5 barattoli che userò per la maggior parte per i dolci che farò a Pasqua.
Mi raccomando conservateli in luoghi sempre freddi e se fa troppo caldo,in frigorifero.

10 commenti:

  1. Ciao Lucia, hai detto proprio bene come si faceva una volta. Oggi è già difficile trovare un prodotti genuino figuriamoci la sugna. Si vede dalla consistenza della tua preparazione che trattasi davvero di qualcosa di genuino, è chiara e perfetta. Io purtroppo non la faccio perchè non ho la fortuna di conoscere qualcuno che si cresce il maiale, ma mia zia che abita in calabria me ne porta sempre qualche barattolino che io poi conservo per pasqua quando faccio il casatiello. Prodotti di altri tempi brava Lucia che mantieni alta la tradizione genuina ciao

    RispondiElimina
  2. sei bravissima... io non sapevo sinceramente cos'era la sugna e grazie a te ho capito adesso cos'è.. mia nonna quando ero più piccola la faceva spesso ma essendo piccola non davo tanta importanza a ciò che faceva o realizzava.. e me ne rimpiango.. =(

    RispondiElimina
  3. Quanti ricordi :) I miei nonni e i miei zii la preparavano E' vero una volta la sugna si preparava sempre. Non solo perchè era più economica, ma anche perchè sicuramente dava più sapore ai cibi e comunque i maiali venivano cresciuti in modo sano. E le cuzzupe e gli altri dolci di Pasqua venivano fatti rigorosamente con la sugna. Buona giornata :)

    RispondiElimina
  4. La sugna o strutto, io la uso nel tortano napoletano, mia madre la usava spesso nelle sue pietanze, si dovrebbe prepararla in casa come hai fatto tu, grazie del consiglio!

    RispondiElimina
  5. Ciao cara..anche noi la settimana scorsa abbiamo fatto il maiale..salamini appesi a curare,pancetta tesa e arrotolata,guanciale,sugna e salame con cotenna..tutto fatto in casa...che bontà!!! spero non si perda mai questa tradizione...Herablog

    RispondiElimina
  6. non credo la preparerò mai...a che cosa serve?

    RispondiElimina
  7. solo per i dolci? qui in Emilia anche per gnocco fritto mi sbaglio?

    RispondiElimina
  8. mi nonna lo facevo è molto salutare.

    RispondiElimina
  9. che bei ricordi che mi hai fatto venire in mente, quando ero piccola la mia nonna lo faceva sempre!
    Alessandra

    RispondiElimina