domenica 10 novembre 2013

Radicchio arrosto con aceto balsamico di Modena Casanova 1748.

Carissime amiche ed amici,oggi prima di presentarvi il piatto,che è di una semplicità unica ma condito con un aceto balsamico anche lui unico Aceto balsamico Casanova 1748,voglio darvi qualche notizia su come viene prodotto questa eccellenza del Made in Italy.


Fase 1: La vendemmia

La raccolta dell'uva è ancora eseguita a mano, come vuole la tradizione, selezionando i grappoli migliori delle uve Trebbiano e Lambrusco di Modena. Avviene nei mesi di settembre e ottobre, quando il rapporto tra zuccheri e acidità è più alto ed è una fase molto importante nella produzione dell'Aceto Balsamico di Modena poiché la qualità e l'integrità del grappolo sono essenziali prima della pigiatura. L'altra importante operazione è la potatura delle viti che avviene in inverno e da cui dipende la salute della pianta e quindi dei raccolti futuri.





Fase 2: La pigiatura

La pigiatura delle uve è eseguita con il sistema detto "soffice", per evitare l'eccesso di Polifenoli contenuti nelle bucce, vinaccioli e raspi che rallentano il processo di acetificazione e potrebbero conferire amarezza al prodotto. Il mosto sarà poi filtrato per eliminare le parti solide residue e le impurità.




Fase 3: La cottura

Il mosto è cotto entro 24 ore dalla pigiatura per evitare fermentazioni, in caldaie d'acciaio a cielo aperto e a fuoco diretto per 36 - 48 ore, fino al raggiungimento di una concentrazione del 50% e oltre. Si fa bollire il mosto per mezz'ora al fine di sterilizzarlo, ed in seguito si cuoce a temperatura media di 85°C. Il mosto cotto sarà poi raffreddato e lasciato a decantare fino a Gennaio.




Fase 4: La maturazione

Il mosto è posto a maturare in batterie, composte da almeno 9 botti di legno con capacità decrescente, da 180 a 10 litri, ognuna delle quali realizzata in legno diverso (rovere, ciliegio, frassino, castagno, gelso, ginepro, acacia...) e colma solo al 75% della propria capacità. Le batterie sono collocate nei sottotetti poiché lì l'escursione termica è più importante (estate caldissima e inverno gelido). Le botti sono aperte per permettere la concentrazione del liquido, per naturale evaporazione. I segreti dell'invecchiamento sono spesso tramandati di generazione in generazione e quindi non seguono una regola fissa, ogni produttore procede secondo la propria esperienza maturata nel corso degli anni. Le fasi successive descritte avvengono durante il periodo di invecchiamento, che può protrarsi all'infinito!




Fase 5: I travasi e i rincalzi

Queste due delicatissime operazioni strettamente legate fra loro avvengono in inverno, quando l'aceto balsamico è in letargo a causa del freddo, e quindi l'attività fermentativa è ferma. Il travaso è il trasferimento del liquido da una botte più grande a una più piccola, mentre il rincalzo è il livellamento della botte appena travasata. La prima operazione include quindi sempre la seconda, tranne che per la prima botte, quella più grande, dove si esegue solo il rincalzo con il mosto cotto. Si usano attrezzi specifici per ogni operazione e si procede con un controllo continuo e costante dello stato di salute delle botti e del loro contenuto.




Fase 6: L'assaggio

Ogni anno si eseguono esami olfattivi, visivi e gustativi su ogni botte, controllando limpidezza, odore e sapore del liquido. Si usa un contenitore di vetro trasparente e ben pulito e si versa il liquido prelevato dalla botte tramite l'apposita provetta anch'essa di vetro. Per l'analisi visiva, è preferibile usare la luce di una candela per valutare il colore in controluce, la densità e la limpidezza. I parametri olfattivi includono l'intensità, la persistenza dei profumi e l'acidità, mentre al gusto si analizzeranno l'intensità, il sapore, l'armonia tra agro e dolce e l'acidità e si preferirà usare un cucchiaino di porcellana, più adatto a non alterare il sapore. Gli assaggi si compiono lontano dai pasti e diversi degustatori confrontano i risultati per garantire una qualità oggettiva ottimale.



Solo così,col tempo e con amore si ottiene un grande aceto balsamico,da gusto e sapore inconfondibile.
Dopo quanto detto mi sembra irrilevante pubblicare la mia ricetta,ma la lascio per onor di cronaca,vergognandomi dopo tutto quanto detto.
Vi dicevo che ho preparato del radicchio arrosto condito con olio e aceto balsamico Aceto Balsamico Casanova1748,
Ho tagliato in quattro parti un radicchio lungo,e con le mani l'ho insaporito,cospargendolo di olio,pepe e sale.
L'ho messo ad arrostire su di una piastra già calda



Appena cotti,li ho serviti con olio ed aceto balsamico CASANOVA1748




 Aceto Balsamico di Modena IGP - Serie 10" invecchiato 10 anni,questo l'aceto balsamico usato per la mia ricetta prodotto da CASANOVA1748.
L'azienda si trova a :Az. Agricola Leonardi Giovanni | Via Mazzacavallo, 62 | 41043 - Magreta di Formigine (MODENA)
tel 0039 059 554375 | fax 0039 059 555487 | e-mail info@acetaialeonardi.itQuesto è il sito: Clicca qui
Questa è la pagina FB: Clicca qui
Ringrazio ancora l'azienda per la gentile collaborazione.

55 commenti:

  1. Mamma mia dev'essere ottimo, mi piace un sacco l'aceto nei pasti!

    RispondiElimina
  2. Buonissimo l'aceto balsamico! Buona domenica!
    http://www.maridress.blogspot.it/
    http://www.bloglovin.com/maridress
    https://www.facebook.com/maridressfashionblog

    RispondiElimina
  3. Io sono appassionata di aceto balsamico! Lo voglio assolutamente provare questo!

    RispondiElimina
  4. Di certo è molto buono questo aceto casanova, ottima ricetta la tua! Io ero già tua follower, ciao alla prossima!

    RispondiElimina
  5. adoro l'aceto balsamico,lo uso praticamente ovunque,da un tocco in più a carne e pesce,e molto altro...
    grazie non conoscevo quest'azienda,vado a dare uno sguardo.

    RispondiElimina
  6. a me piace molto il sapore che l'aceto balsamico dà ad alcuni piatti, aggiunge quel tocco di sapore in più, e questo marchio sarebbe da provare, grazie per il suggerimento...

    RispondiElimina
  7. Buono l'aceto balsamico!! ^__^ Questo tipo non l'ho mai provato, ma sembra di ottima qualità

    RispondiElimina
  8. Bella ricetta! sinceramente non sapevo quali erano le varie fasi di lavorazione ora so una cosa in più!
    Alessandra
    www.alessandrastyle.com

    RispondiElimina
  9. Buonissimo questo aceto, non conoscevo il Brand, grazie delle info, mi piace l' aceto nelle insalate ma anche in altri piatti, complimenti per il tuo radicchio arrosto sicuramente speciale, vado a vedere il sito!

    RispondiElimina
  10. bone le verdureeeee!! mai provato il radicchio con l'aceto balsamico, domani provvedo! grazie per la ricetta

    RispondiElimina
  11. si l'aceto è un condimento veramente delizioso, questo lo proverei subito :) se ti va passa da me c'è un nuovo articolo

    RispondiElimina
  12. questo aceto balsamico deve essere di ottima qualità e tradizione, mi hai incuriosita, guardo il sito

    RispondiElimina
  13. Adoro l'aceto balsamico, è delizioso e dà un tocco di sapore alle verdure!
    Alessia
    FACEBOOK
    Video outfit YOUTUBE
    Kiss

    RispondiElimina
  14. Dev'essere buonissimo!!! Adoro l'aceto :-)

    RispondiElimina
  15. quante informazioni interessanti!!!

    RispondiElimina
  16. Dev'essere davvero ottimo!
    Mi farebbe piacere sapere invece cosa ne pensi della mia ricetta: http://lericettediannaeflavia.blogspot.it/2013/11/biscotti-di-pasta-di-mandorle.html

    RispondiElimina
  17. Anche io adoro l'aceto balsamico!!:) baciii

    RispondiElimina
  18. Un piatto di gran classe , realizzato con un aceto di altaissima qualità. Buona settimana Daniela.

    RispondiElimina
  19. uh ma noi lo usiamo da anni, lo adoriamo in casa! :) buon inizio settimana
    Nicky

    RispondiElimina
  20. complimenti un aceto di grande classe,sicuramente anche molto buono

    RispondiElimina
  21. Complimenti per l abbinamento...l'amarognolo del radicchio e il sapore intenso dell aceto che proponi nel tuo post bravi!

    RispondiElimina
  22. io adoro l'aceto balsamico, se fosse per me lo utilizzerei per ogni piatto!

    RispondiElimina
  23. L'aceto balsamico non manca mai in casa nostra, questo mi ispira tantissimo. Lo acquisterò di sicuro.

    RispondiElimina
  24. L'aceto balsamico non può mancare a casa mia, e questo di Modena Casanova è una garanzia di qualità. bravissima e buonissimo consiglio

    RispondiElimina
  25. Lucia ma sai che questi li faccio anche io spesso?
    piacciono a tutti in casa.
    credo però che non vengono come i tuoi nel senso che i tuoi dalla foto sono belli "Vispi" come dire per usare un termine improprio...i miei sono "mosci" ok scusa i termini non appropriati ma avrai capito il senso dell'arrangiamento visto che io in cucina sono davvero uno zero.
    un abbraccio
    ciao
    www.imperfecti.com

    RispondiElimina
  26. ma dai! da sempre sono stata curiosa di sapere come veniva fatto l'aceto balsamico!!! grazie per le ottime informazioni!
    LAura

    RispondiElimina
  27. Post molto interessante, belle anche le foto . Ti aspetto da me per un nuovo giveaway meraviglioso! xoxo Donny di www.thefashionfordonny.com ❤️

    RispondiElimina
  28. non sono una fan del radicchio, e all'aceto preferisco la glassa balsamica...ma da te assaggerei ogni cosa! :)

    RispondiElimina
  29. lo proverò, mi intriga questo mix di sapori
    B.

    RispondiElimina
  30. non ho mai provato il radicchio preparato in questo modo e sicuramente questo aceto ne avrà arricchito il sapore...da provare !!!

    RispondiElimina
  31. non l'ho mai cucinato così, sei davvero bravissima devo farlo anche io.

    RispondiElimina
  32. grande talento Lucia, bellissimo post e poi c'e' anche della sostanza oltre ^^ ciao elena

    RispondiElimina
  33. L'aceto balsamico di Modena è uno dei migliori, perfetto per arricchire di gusto ogni piatto!!

    RispondiElimina
  34. Sembra davvero ottimo e di sicuro l'aceto balsamico avrà dato quel tocco di gusto in più!

    RispondiElimina
  35. Bellissimo il piatto e la recensione,di sicuro questo piatto sarà ancora più buono dall'uso di questo aceto balsamico ..

    RispondiElimina
  36. cucino spesso il radicchio in questo modo, ma non conoscevo tutte queste nozioni sull'aceto balsamico. Molto interessanti, grazie

    http://cocoelistrione.blogspot.it/

    RispondiElimina
  37. Un post veramente interessante e ti ringrazio sia per la segnalazione dell'aceto Balsamico Casanova e della tua buonissima ricetta.

    RispondiElimina
  38. adoro il radicchio preparato così, e questo aceto balsamico deve essere sicuramente eccellente, un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  39. buona serata (; Reb, xoxo.

    * Fammi sapere cosa ne pensi del mio nuovo look
    http://www.toprebel.com/2013/11/sempre-e-solo-nelle-mani-di-ar-stilisti.html

    RispondiElimina
  40. Ricetta già provata tempo fa! Una pietanza deliziosissima!

    http://lifeiscooldiary.blogspot.it

    RispondiElimina
  41. Sará delizioso, mi piace molto l'aceto nei pasti

    RispondiElimina
  42. Il radicchio non mi piace, ma sicuramente consiglierò questo tipo di aceto balsamico! :)

    The Double Mirror

    RispondiElimina
  43. io tendo a mettere l'aceto balsamico sopra qualsiasi cosa, a volte esagero XD Non conoscevo l'iter per la sua creazione, mi hai tolto una curiosità :)

    RispondiElimina
  44. adoro l'aceto balsamico, lo metto praticamente su tutto!
    avrei proprio voglia di provare il radicchio come l'hai fatto tu!

    RispondiElimina
  45. Non mi fa impazzire l'aceto :(

    RispondiElimina